sabato 23 ottobre 2010

Stanchi di Gwibber? Hotot è ancora meglio (per gli utenti di Twitter)

Fino ad ora mi ero sempre rifiutato di provare questa applicazione perchè non credo nei fork (non che questo lo sia) e nemmeno nella concorrenza all'interno dell'opensource. Ma la realtà dei fatti è che ognuno di noi ha una diversa concezione della stessa cosa. Se siete stanchi del pesantissimo Gwibber per gestire i vostri account socialnetwork e volete qualcosa di più accattivante vi consiglio Hotot.
Attualmente questo client supporta Twitter e Identi.ca e si autoproclama come "a lightweight client for the twitter microblogging service." quindi abbandonate ogni speranza per il supporto a Facebook fino a nuovo ordine.
A parte questa blanda presentazione, passiamo ai fatti:
Appena avviato il programma ci ritroviamo con una schermata come questa (hmm cattiva integrazione con il desktop, punto in meno):
Dopo un login a due step da fare, in parte, su browser esterno ci ritroviamo nella schermata principale:
L'interfaccia è molto semplice (come Twitter, del resto), molto ben fatta e curata nei dettagli, ma ancora non si integra con il resto del sistema. Nella parte alta c'è lo spazio per pubblicare nuovi tweet, la gestione delle impostazioni e delle estensioni. Nella parte centrale, invece, troviamo lo stream, con tanto di bottoni per menzioni, retweet, favourite e reply. Nella parte bassa troviamo i vari filtri per i tweet. Come ho detto prima il software ha un buon sistema ad estensioni. Quelle distribuite con Hotot sono:
  • Caricatore di Immagini;
  • Traduzione dei tweet;
  • Anteprima delle immagini;
  • Geolocation dei tweet;

Conclusioni:
Il software potrebbe essere strutturato un po' meglio, le traduzioni non sono complete (si tratta sempre di una pre-alpha), l'interfaccia grafica non è integrata con il resto del sistema ma è "incastonata" all'interno della finestra principale, alcuni passaggi potrebbero essere automatizzati...i ritocchi sono davvero tanti.
Pro:
  • L'interfaccia grafica è curata nei dettagli e molto accattivante;
  • Semplice;
  • Multilingua;
  • Supporta le estensioni;
Contro:
  • Cattiva integrazione con il Desktop Environment;
  • Mancano traduzioni;
  • Supporta solo Twitter e Identi.ca;
  • La schermata delle impostazioni potrebbe essere curata un po' di più;
  • Il login potrebbe essere automatizzato senza inutili copia-incolla;
Per installarlo è sufficiente aggiungere il PPA di hotot e installare:
sudo add-apt-repository ppa:hotot-team && sudo apt-get update && sudo apt-get install hotot

Nessun commento:

Posta un commento